PANIERE SOCIALE abruzzese a sostegno delle povertà

Un  “PANIERE SOCIALE” abruzzese a sostegno delle povertà. Il presidente della Regione D’Alfonso si faccia carico di questa drammatica “mattanza sociale”.  Si provi a ripristinare un credibile equilibrio tra il costo della vita ai tempi della LIRA e quelli, vergognosamente e colpevolmente aumentati,  ai tempi dell’EURO.

Konsumer lancia lo slogan : “Non vergognarti se sei povero. Si vergogni chi non fa nulla perché tu lo sia”

I recenti dati diffusi dall’ISTAT sulla povertà in Italia sono passati quasi inosservati. Trattasi invece  di dati che parlano di una vera “mattanza sociale” contro la quale sarebbe delittuoso non intervenire. In Abruzzo , naturalmente, le cose non vanno meglio. Una popolazione che oscillerebbe tra l’11 e il 13 % è da ritenersi povera. A questi debbono aggiungersi i “disperati” e quelli “quasi poveri” che quotidianamente sono costretti a fare salti mortali per “sbarcare il lunario”. Sono certamente tante le cause ma, tra queste, non ultima l’Euro. Da quando l’Italia ha adottato la moneta europea la situazione è drasticamente e tragicamente peggiorata. Perché ? La gestione della nuova moneta è stata scientemente e volutamente finalizzata ed utilizzata con un solo grande scopo favorire i grandi poteri economici  e poco importa se questo ha voluto significare soffocare ed  umiliare “gli ultimi”.  Un esempio ? Chi allora guadagnava 1 milione e mezzo e poteva vivere dignitosamente oggi se guadagnasse 750 euro non riuscirebbe neppure ad arrivare a metà mese. Tutto più che raddoppiato e questo, soprattutto, sui beni primari (Caffè, Pane, Latte, Pasta, Carne e Benzina). E’ necessario allora, sia pure in gravissimo ritardo, intervenire e almeno in Abruzzo provare a realizzare un nostro “PANIERE SOCIALE” che tenga conto delle reali e nuove esigenze delle famiglie. Il Presidente Luciano D’Alfonso, ha l’autorità politica e morale per provare a farlo,  chiami a raccolta gruppi commerciali, imprese, negozi intorno alla sottoscrizione di un impegno che miri a ripristinare una corretta e giusta vicinanza tra il costo della vita ai tempi della Lira e quelli di oggi al tempo dell’Euro. Esiste un popolo mortificato che merita attenzione, rispetto e aiuto.  Intanto noi di KONSUMER, nei prossimi giorni, lanceremo uno slogan chiaro e forte:  “Non vergognarti se sei povero. Si vergogni chi non fa nulla perché tu lo sia”

Geremia Mancini – Presidente onorario “Konsumer Abruzzo”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *