#Openday Abruzo: lo storytelling che emoziona

img_7945Oltre 27mila i post condivisi dagli utenti su Twitter, Instagram e Facebook su Abruzzo Open Day che hanno potenzialmente raggiunto più di 11,6 milioni di persone. Instagram il social più utilizzato, con oltre 15mila post condivisi, calamitando l’attenzione di quasi 6 milioni di persone e superando il milione di like. Secondo Twitter, con 9.331 tweet che hanno scaturito quasi 10mila interazioni tra like e retweet e raggiunto circa 5,9 milioni di persone. 28mila le interazioni su Facebook.

Sono i dati emersi questa mattina durante lo Slot #OPENDAYABRUZZO: lo storytelling che emoziona, promosso dal DipartimentoTurismo, Cultura e Paesaggio della Regione Abruzzo, svoltosi a Firenze, nell’ambito di BTO – Buy Tourism Online, l’evento di riferimento in Italia sulle connessioni tra turismo e innovazione, in programma fino a domani 1 dicembre, presso Fortezza da Basso.

La ricerca condotta da Travel Appeal, che ha misurato l’impatto e il “traffico” online generato da Abruzzo Open Day sui canali social tra metà ottobre e inizi di novembre, ha evidenziato inoltre che Pescara e L’Aquila sono state le destinazioni in cui gli utenti hanno maggiormente geolocalizzato i post condivisi, nonché le città più citate sui social network, seguite da Chieti, Teramo e Ortona. Su Instagram, largo successo per i post condivisi da Rocca Calascio, seconda solo a Pescara.

È interessante osservare come la geolocalizzazione dei post abbia riguardato tutto il territorio regionale a testimonianza dell’efficacia del lavoro di squadra e della messa a sistema del comparto turistico.

Abruzzo Open Day Winter ha dato una scossa nelle ricerche Google. Nello specifico, le frequenze di ricerca per “Abruzzo” nella categoria Viaggi, soprattutto dalla metà di Ottobre, sono aumentate in media del 15% rispetto allo stesso periodo del 2015 e in media di circa il 20% nella categoria Hotel e alloggi. Notevole inoltre la crescita nelle ricerche per “Capodanno in Abruzzo”, grazie all’effetto traino generato da AOD che raggiunge così l’obiettivo di stimolare i turisti a tornare nella nostra regione.

“Abruzzo Open Day è un’iniziativa B2C per portare i turisti ad assaggiare l’Abruzzo, una grande festa dove la regione si “dona” con tanti eventi e percorsi esperienziali – ha commentato Claudio Ucci, rappresentante DMC Abruzzo – Si va dal teatro in alta montagna alla via dei carbonai, dalla scuola di cucina in lingua all’archeologia, dalle rievocazioni storiche alle tante manifestazioni dedicate ai bambini, veri testimonial e protagonisti di Abruzzo Open Day. Ma il racconto non finisce qui. È una storia che continua: il prossimo appuntamento sarà con il Capodanno esperienziale (ad esempio il capodanno con pastori, il presepe medievale a Santo Stefano di Sessanio, Gran Teatro nei Borghi e altre iniziative)”.

Con Abruzzo Open Day si è misurata la capacità di fare rete di quanti concorrono quotidianamente all’immagine di eccellenza dell’Abruzzo. Una macchina organizzativa su ampia scala in cui il soggetto pubblico dialoga e lavora in sinergia con le DMC, le strutture ricettive, gli operatori turistici e culturali, le associazioni, i musei, i parchi, dimostrando come nel nome di un hashtag comune, si riesca ad attivare una competizione collaborativa per interpretare a pieno il trend del turismo globale.

Durante lo Slot sono state presentate quattro sessioni tematiche per altrettante esperienze vissute in occasione di Abruzzo Open Day Winter: “La vacanza attiva e sostenibile: alla scoperta dell’Abruzzo in bike, tra pedalate e soste “emozionali”, a cura di Claudio Di Dionisio (Bikelife/DMC Terre del Piacere); “Il mare d’inverno: vivere fuori stagione le meraviglie della costa e della Riserva di Punta Aderci”, a cura di Carlo De Nardellis(DMC Costa dei Trabocchi); “Il turismo slow: l’emozione di un viaggio unico su un treno storico attraverso la Transiberiana d’Italia”, con il contributo di Filippo De Sanctis (DMC Sangro Aventino) e “Viaggio nella memoria: quando antichi borghi si fanno scenografia e il loro fascino rivive nell’arte, nella musica e nel teatro”, raccontato da Paola Lopes (DMC Gran Sasso, L’Aquila e Terre Vestine).

La Regione Abruzzo partecipa al BTO anche con un proprio spazio espositivo e sarà inoltre presente in un altro workshop, insieme alle Regioni Piemonte e Basilicata, domani 1 dicembre alle 16.10 in #1 focus Hall, che verterà sulla complessità o meno della creazione di progetti di sistema, dedicati alle eccellenze enogastronomiche, in chiave di valorizzazione di una Destinazione Turistica.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *