Lettera aperta di Ivano Pizzi sulla non partecipazione alle Paralimpiadi di Rio 2016

14317512_1143515059043699_1172991953997219991_nTutela Della Salute: è questa l’istituzione che dovrebbe tutelare tutti gli atleti italiani e invece sono coloro che mi stanno ammazzando, un sistema malato e corrotto da persone senza scrupoli.

Sono riuscito a rialzarmi tante volte durante il mio percorso di vita, ma questa volta sono al collasso, sono profondamente deluso, è un duro colpo, una pugnalata alle spalle non merito tutto questo.

Mi è stata notificata la sospensione dalle competizioni in via cautelare per valori anomali a seguito di un controllo ematico fatto il giorno 8 settembre poche ore prima della partenza da Roma per le Paralimpiadi di Rio 2016, senza nessuna possibilità di replica, dopo anni di sacrifici, tempo, soldi, rinuncie. Umiliato e mandato a casa senza aver fatto nulla.

Questo sta a testimoniare che i miei valori erano assolutamente idonei e normalissimi per gareggiare e che la mia sospensione è assolutamente ingiusta e sospetta, da parte di organi che ricoprono ruoli assolutamente di prima linea dietro un sistema del tutto corrotto.

Dopo l’esperienza infelice ai Mondiali di Notwill nel 2015, sono ancora sconcertato di questa situazione buttando all’aria un’intera stagione e ad oggi non si è fatta alcuna chiarezza sulle normative vigenti in tema di tutela della salute.

Ho intenzione di chiudere con il ciclismo ma noi tutti dobbiamo lottare per cambiare il sistema per tutelare gli atleti lo sport. Oggi è il mio turno domani può essere il vostro. Nella mia totale trasparenza allego gli esami ematici fatti il 6 settembre quindi 2 giorni precedenti al loro controllo ed anche gli esami fatti il 9 settembre giorno successivo al loro controllo.

Ivano Pizzi

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *