L’Aquila, MOZART – REQUIEM K626 il 6 aprile

Il requiem in memoria delle vittime del sisma

Sinfonica Abruzzese, Conservatorio e Corali cittadine unite nel ricordo

 

MOZART – REQUIEM K626

 

Fiammetta Tofoni, soprano

Federica Carnevale, mezzosoprano

Riccardo Della Sciucca, tenore

Antonio Albore, basso

 

Marcello Bufalini, direttore

Maestri del coro: Rosalinda Di Marco, Carlo Mantini, Ettore Maria Del Romano, Carmine Colangeli

 

Orchestra Sinfonica Abruzzese

Elementi e coro del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila

Corale Gran Sasso, Corale Novantanove, Schola Cantorum San Sisto

 

Mercoledì 6 aprile 2016, ore 18,00 – L’Aquila, Basilica di San Bernardino

 

In occasione del settimo anniversario del sisma che il 6 aprile 2009 sconvolse la città dell’Aquila e la sua provincia, alle ore 18 di Mercoledì 6 aprile 2016, presso la Basilica di San Bernardino, sotto la direzione del maestro Marcello Bufalini, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese con elementi e coro del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila della professoressa Rosalinda Di Marco, e con le più antiche corali cittadine – la Corale Gran Sasso diretta dal Maestro Carlo Mantini, la Corale Novantanove del maestro Ettore Maria del Romano e la Schola Cantorum San Sisto guidata dal maestro Carmine Colangeli – dedicherà alle 309 vittime del terremoto il Requiem K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart.

Con loro il soprano Fiammetta Tofoni, il mezzosoprano Federica Carnevale, il tenore Riccardo della Sciucca e il basso Antonio Albore.

In apertura dell’evento alla presenza dalle autorità locali e di esponenti di Acea S.p.A. verranno ufficialmente proclamati i vincitori delle borse di studio “Acea per L’Aquila” destinate a due studenti meritevoli del Conservatorio.

“L’Istituzione Sinfonica Abruzzese – dichiara la professoressa Luisa Prayer, Direttore artistico ISA e ideatrice dell’evento – ha fortemente voluto raccogliere intorno alla propria orchestra musicisti e coristi del nostro Conservatorio e delle più significative compagini musicali della città, unite in una produzione estremamente significativa che coinvolgerà circa 180 musicisti. Un omaggio corale, partecipato e condiviso, che restituisce un profilo forte e coeso della comunità aquilana, e una rappresentazione della vitalità del tessuto sociale e culturale della Città che è la componente più importante della ricostruzione in atto”.

Anche il Direttore del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila, Giandomenico Piermarini, sottolinea il forte spirito di collaborazione alla base dell’evento: ”Nella ricorrenza del giorno che segnerà per generazioni la memoria collettiva di questa città riteniamo molto significativo che due grandi Istituzioni di produzione e formazione abbiano deciso di unire le proprie forze. È difatti attraverso una coproduzione e la compartecipazione dei propri musicisti che l’ISA ed il Conservatorio, insieme alle maggiori corali cittadine, intendono oggi trasmettere alla città un messaggio profondo e sentito di composta commozione e fiducia nella capacità che avremo tutti insieme di guardare ad un futuro di crescita anche culturale, nel segno dell’arte e della musica in particolare. Ricco di significato in questo senso – conclude Piermarini – è il fatto di aver deciso di far precedere il momento della commemorazione, sottolineato dalle note immortali del Requiem di Mozart, dalla breve cerimonia di simbolica consegna delle borse di studio a due dei più meritevoli giovani studenti del nostro Conservatorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *