L’Aquila: “Li Romani in Russia” con ATAM

Li Romani in russia
Una guerra di invasione senza pretesto 

di Elia Marcelli
adattamento teatrale Marcello Teodonio
regiaAlessandro Benvenuti

con Simone Cristicchi

L’Aquila
Ridotto del Teatro Comunale
Giovedì 24 gennaio ore 21,00 Turno A
Venerdì 25 gennaio ore 17,30 Turno B

PREZZI BIGLIETTI
€ 15,00 intero
€ 10,00 ridotto

PREZZI ABBONAMENTI
€ 120,00 intero
€ 85,00 ridotto

Per informazioni:
TSA tel. 0862 62946
Botteghino tel. 0862 410956 – 3485247096

Treni che portano via una generazione sorridente, giovane, sicura di tornare, perché la propaganda fascista inganna sulla realtà della spedizione. E la “passeggiata” si trasforma in tragedia: armi, abbigliamenti e viveri insufficienti, inadeguati, ridicoli. Rimangono solo fame, freddo, paura. Una disfatta: partirono 220.000 ragazzi, ne tornarono 20.000. Elia Marcelli, giovane poeta, è tra i pochi che riesce a far ritorno dalla “Campagna di Russia del 1941-43″ nonostante il freddo, il dolore, la rabbia. E il dovere di raccontare, per non dimenticare e non far dimenticare. E lo fa con lo strumento che più gli è congeniale: la poesia, dando a questi ricordi la forma più alta ed eterna scegliendo il dialetto romanesco, per costruire questa memoria da cui viene fuori il poema Li Romani in Russia, in ottave classiche, che ricostruisce passo passo la spedizione: la partenza, il viaggio, i combattimenti, la neve, i soldati, i muli, il nemico; la solidarietà, il cameratismo, l’egoismo; il rispetto del proprio dovere, sempre; la ritirata, la disfatta; la morte. E la solitudine e la disperazione di chi sopravvive. Simone Cristicchi, attore naturale e credibile, interpreta una nutrita galleria di grotteschi personaggi, raccontando con passione e coinvolgimento questa tragica epopea, in un monologo corale in cui trovano spazio anche momenti ironici e divertenti. Il disegno luci elegante ed evocativo, e la regia impeccabile di Alessandro Benvenuti, rendono questo spettacolo unico nel suo genere: emozionante, divertente, drammatico.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *