In Molise un club Panathlon International

Prestigioso riconoscimento per una Regione che crede ancora nella sua totale autonomia e nella partecipazione attiva, per un ritorno ai vecchi fasti di decenni addietro.

La Politica del non fare viene sovrastata dalle innumerevoli azioni che Associazioni Territoriali, Nazionali ed Internazionali, mettono in campo per far si che il Molise non venga cancellato nella memoria di chi vive fuori da una regione ancora poco conosciuta ma che è , sicuramente, una delle regioni più belle d’Italia.

Nonostante eolico selvaggio, condizionamenti delle lobby in termini di energia, di sfruttamento del territorio, della poca attenzione della politica che conta, la Regione dei Sindaci che combattono ogni giorno la loro battaglia di sussistenza in vita, la Regione delle Eccellenze e di chi ogni giorno lotta per una agricoltura innovativa e di qualità, buona l’azione dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura, sia in termini di divulgazione che di azione fuori dal nostro Molise con il reale supporto alle ns fantastiche azienda, non ultimo il Vinitaly, la Regione del popolo che pian piano sta vedendo sempre più svanire la sua sovranità decisionale, il Molise da il meglio di sé e fuori dai suoi confini geografici e culturali si distingue con azioni in sinergia e di assoluto spessore culturale, sportivo,alimentare, ambientale ed aggregativo.

E da qui la richiesta da parte del Panathlon International, Distretto Italia, di coltivare l’idea di istituire un Club Panathlon in Molise. Una richiesta espressamente diretta al coordinatore dei Borghi d’Eccellenza e della Salute, Maurizio Varriano, proprio per l’impegno che queste due realtà, la seconda nata da un progetto tutto Molisano e che vede come presidente il Dott. Marco Tagliaferri, ed un comitato scientifico di assoluto rilievo, Franco Valente, Maurizio Santilli, Mauro Gioielli e che ha visto aderire Comuni quali Montenero di Bisaccia, San Martino in Pensilis, Orsogna, Ripalimosani, Scanno, Roccamandolfi, Guardiaregia, con richiesta di adesioni da paesi Croati, Francesi, Svizzeri, e di tutte le regioni Italiane come Sulmona,Monteriggioni, Ischitella, Casacalenda, profondono in termini di Total Quality e di una innovativa concezione del Turismo e del Turismo salutistico.

Non ultima la nota da parte di Badini Confalonieri nel riferire l’inserimento del progetto Borghi nelle pagine delle Buone Pratiche del Ministero della Cultura.

E, premesso quanto, in data 10 aprile 2016 presso la sede dell’area 7 del Panathlon International di Avezzano, alla presenza dei Governatori del Lazio , Massimo Zichi e dell’Abruzzo/Molise, Rocco Franco Tondini, del Pass Governatore dell’Abruzzo Lazio e Molise, Prof. Pierluigi Palmieri, del Presidente della Corte Suprema Svizzera , candidato unico alla Presidenza Internazionale del Panathlon,Pierre Zappelli, di membri e presidenti di Club ,è stato insignito della carica di Presidente del Costituito Club Molise CB, Maurizio Varriano che ha relazionato sulla possibilità del Molise di essere, vista la centralità geografica, la leva per una nuova generazione dei “ Panathleti Italiani ed Europei “.

Un progetto decisamente arduo da un percorso sicuramente non facile ma, di attuale rappresentazione e di grande impatto socio culturale con una apertura all’Europa e, vista la forza del Panathlon in America Latina, anche ai territori al di la dell’Oceano.

Il Panathlon ha lo scopo di affermare l’ideale sportivo, gli ideali culturali e solidali allo scopo di favorire amicizia, il far play, promuovere studi e ricerche sui problemi dello sport e dei suoi rapporti con la società, sostenere attività a favore dei disabili, iniziative di solidarietà, promozione di programmi dediti alla Totale Qualità della Vita a 360^, mission dei Borghi della Salute.

Riconosciuto nel 1982 dal Comitato Internazionale Olimpico, fa parte dell’Associazione Generale delle Federazioni Internazionali Sportive (AGFSI), del Comitato Internazionale Fair Play (CIFP) e dell’International Council of Sport Scienze and Physical Educatione (ICSSPE), è in relazione con l’UNESCO e con l’ Associazione Nazionale Comitati Olimpici Europei (COE) ed è facente parte delle Associazioni riconosciute e partner del CONI e del CIO con i quali comitati collabora in progetti strategici.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *