Imparare Sicuro a San Giovanni Teatino

“Imparare a sapersi e comportare in situazioni critiche quando si verificano fenomeni naturali estremi come un terremoto. E’ un passaggio fondamentale nel percorso formativo di ogni giovane studente”. Lo ha dichiarato il Sindaco Luciano Marinucci in occasione della Giornata Nazionale della Sicurezza, istituita dalla legge “Buona Scuola” in ricordo del tragico incidente avvenuto il 22 novembre del 2008 al liceo “Darwin” di Rivoli quando uno studente di 17 anni perse la vita a causa del crollo di un soffitto di un’aula.

Lo scopo delle Giornata e gli obiettivi del MIUR, sono stati spiegati dal docente e architetto Mauro Latini: “volgiamo aiutare i ragazzi a sentirsi parte dei un sistema di protezione civile. Devono diventare attori essi stessi di una maggiore sicurezza delle scuole e del territorio”.

Con attenzione e partecipazione gli studenti 3^ A, 3^ B e 3^C dell’Istituto Comprensivo “G. Galilei”, hanno seguito la relazione di Luca Mancini, architetto volontario per al protezione civile nei sopralluoghi degli edifici nell’area del cratere ed in particolare ad Amatrice. Mancini ha mostrato foto e immagini i locali colpiti dal sisma durante i rilievi di agibilità

L’architetto Fabio Ciarallo ha invece mostrato e spigato ai ragazzi, tutte le previsioni del “Piano di Emergenza Comunale” di San Giovanni Teatino. La mattinata nella sala consiliare di Palazzo di città si è conclusa in ritardo a causa delle tante domande che i ragazzi hanno rivolto ai relatori.

“Come Comune siamo particolarmente sensibili a questi temi e a questo tipo di sensibilizzazione: non a caso tempo fa abbiamo saputo intercettare oltre un milione di euro per l’adeguamento sismico, che il MIUR aveva messo a disposizione. dichiara il Sindaco Marinucci – Le tragiche recenti scosse hanno reso evidente che le strutture scolastiche che abbiamo sono sicure, ma la sicurezza è un atteggiamento mentale, che va inculcato fin da piccoli, nei cittadini del futuro. Ci onora particolarmente in questa giornata la presenza di Francesco, uno studente disabile che ha partecipato attivamente dimostrando a tutti noi che davvero non esistono limiti quando si parla di sicurezza”.

Nella giornata di lunedì 21 novembre, coordinati dalla locale sezione della Protezione Civile, gli studenti, personale docente e scolastico sono stati coinvolti in una “prova di evacuazione ” di tutto il plesso scolastico di Largo Wojtyla, uno con il maggior numero di studenti d’Abruzzo. L’esercitazione è riuscita perfettamente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *