In vendita LUCILLA, il nuovo cd di Marco Di Meco

Mappa non disponibile

Data
dal 02/05/2016
dalle Tutto il giorno

Categorie


'Lucilla'JPGE’ disponibile da oggi sabato 30 aprile, in tutti i negozi di dischi ed in digital download, Lucilla, il nuovo lavoro discografico di Marco Di Meco, la cui uscita è stata consacrata nella Giornata Internazionale del Jazz. La presentazione ufficiale questa mattina in conferenza stampa a Teramo, accompagnata dall’esibizione live di alcuni brani del Marco Di Meco Quartet.

Marco, flautista di estrazione classica contemporanea, è un’artista abruzzese, versatile, intelligente e sensibile in grado di suscitare sempre grandi emozioni. Il jazz che compone e suona è un fare musica con melodie e armonie di chiara matrice italiana, elaborate con i ritmi tipici del jazz. Oltre a dedicarsi allo studio dello strumento sin da giovanissimo e ad un’intensa attività concertistica, il giovane Di Meco è molto presente nel mondo letterario come autore di diverse pubblicazioni.

Quella di Marco è una carriera costruita con lo studio, la passione, tanto lavoro e una buona dose di talento che da bambino gli ha fatto guadagnare l’appellativo di enfant prodige. Con questi ingredienti l’artista Di Meco ha posto le basi della sua ascesa. Nel 2001 il suo debutto come flauto solista con il concerto KV313 di Mozart assieme all’Orchestra del Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara all’Auditorium “Flaiano” della stessa città. E poi, tanti eventi come l’aver accompagnato in orchestra alcuni grandi nomi quali Bruno Tommaso, Luis Bacalov, Eichtor Passarella e aver dato vita a fantastici concerti all’alba e serali a Torre Cerrano.

Per le sue produzioni discografiche ha sposato sin dal primo progetto l’etichetta teramana Wide Sound/ Musicomania, che edita molti dei migliori jazzisti italiani e alcuni internazionali.

Con Lucilla arriva a termine ciò che ha cominciato in Cinque Colori (primo disco) e continuato in Rosalinda. Si delineano cioè le esigenze intellettuali di stile e forme, di epoche e luoghi a cavallo fra l’Italia, anche del folclore abruzzese, e l’America, afro-americana. Nove brani originali scritti ed arrangiati da Marco Di Meco che hanno legami con alcuni luoghi d’Abruzzo. Così, I Sei Palazzi a Sant’Andrea altro non sono che un riferimento al quartiere omonimo situato nella zona portuale di Pescara; Caida de Agua ha chiari riferimenti all’elemento dell’acqua, tema che assieme a quello del mare, ricorre sovente nella sua composizione; anche Lucilla, il pezzo che dà il titolo all’album, ha in se elementi melodici e ritmici che, sebbene filtrati da un approccio jazz, hanno forti connotazioni con le melodie ed armonie del centro Italia. Infine, il gruppo che ha registrato Lucilla è lo stesso dei precedenti lavori discografici, una formazione che vede giovanissimi e riconosciuti talenti del jazz, tutti abruzzesi.

Biografia

Marco Di Meco (Chieti, 5 Febbraio 1982) è un flautista, compositore e poeta italiano.

Inizia a fare musica suonando uno strumento della tradizione popolare regalatogli dalla nonna paterna. Con questo partecipa a diverse rassegne e concorsi ottenendo consensi ed alcune vittorie. Ben presto si fa strada la possibilità di studiare il flauto traverso, così dopo un anno di studio privato viene ammesso nella classe del M° Sandro Carbone presso il Conservatorio Statale di Musica “L. D’Annunzio” di Pescara fino al conseguimento del diploma.

Si diploma anche in Socio-Psico-Pedagogia presso l’Istituto Statale “I.Gonzaga” di Chieti con una tesi sulla “Musicoterapia” e nello stesso anno, presso l’Auditorium “E.Flaiano” di Pescara debutta come solista con il concerto KV313 di W.A.Mozart con l’ Orchestra del Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara e sotto la direzione del M° Rinaldo Muratori. Durante il servizio militare entra a far parte della Fanfara dell’Accademia Navale di Livorno come flautista. Prosegue poi i suoi studi musicali presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano con il M° Mario Ancillotti dove consegue il “Diploma in Interpretazione e Perfomance”. Ed è proprio in questi anni Luganesi che comincia a scrivere i primi versi.

Conclude i suoi studi presso l’Accademia Italiana del Flauto di Roma nella classe del M°Angelo Persichilli. Frequenta diversi corsi di perfezionamento con i flautisti Karl Heinz Schutz, Frederique Saumon, Stefano Parrino, Luisa Sello e Antonio Amenduni. Di notevole rilievo è anche la sua esperienza maturata presso le compagini orchestrali sinfoniche dove ha suonato sotto la bacchetta di importanti direttori quali Luis Bacalov, Lu Jia, Giorgio Bernasconi, Bruno Tommaso ed altri. La sua innata propensione alla diversificazione dei generi musicali lo porta a seguire diversi Workshop di musica Afro-Americana tenuti dal “Columbia College Chicago” e dal “Berklee College of Music”.

Fonda assieme al chitarrista Andrea Conti ed al pianista Fabiano Di Dio il Bimini Project, realtà musicale in cui confluiscono le diverse influenze di generi musicali quali classica, contemporanea ed afro-americana. In seguito si aggiungono al progetto il bassista Emanuele Di Teodoro ed il batterista Andrea Ciaccio.

Terminata l’avventura col progetto Bimini entra, con la stessa formazione, in sala di incisione per il suo primo album come solista “Cinque Colori” per la Wide Sound Label, a cui segue nel 2015 l’album “Rosalinda” per la stessa etichetta. Dal 2009 è docente di Flauto presso la Scuola di Musica dell’Accademia dei Templi di Chieti. Tra il giugno 2005 e il gennaio 2014 ha scritto e pubblicato sei raccolte di versi: “Luci di Luna” (2005) A&B Editrice; Il “Passo delle Sensazioni” (2005) e “Teatro Evanescenza” (2006) per le Edizioni Ulivo; “Le Isterie di Jennifer” (2012) Edizioni Tracce, “Artemisia, la Rana Pittrice e la Farfalla” (2014) e “Negativi ed Altri Versi” (2014) edite per ilmiolibro.it/Gruppo Editoriale L’Espresso Spa. Nel giugno 2014 esce il suo primo album da solista “Cinque Colori” per l’etichetta Wide Sound.

L’album comprende cinque tracce originali. La formazione che lo registra è un quintetto che vede oltre a Marco Di Meco come autore ed al flauto traverso: Andrea Conti alla chitarra elettrica, Fabiano Di Dio al pianoforte ed al fender rhodes, Emanuele Di Teodoro al basso elettrico ed Andrea Ciaccio alla batteria. Per la stessa casa discografica registra l’album “Rosalinda” distribuito nel giugno 2015 per I.R.D. e nel dicembre 2015 per i circuiti digitali. L’album comprende undici tracce originali e, sebbene la formazione sia la stessa del precedente, i brani vengono registrati con formazioni di volta in volta differenti che vanno dal duo al quintetto ed un brano per flauto solo.

Ha scritto e pubblicato il volume “Armonia Applicata-Gli Accordi” per ilmiolibro.it/Gruppo Editoriale L’Espresso Spa. Insegna flauto traverso presso l’Accademia dei Templi a Chieti.

Discografia

* “5 Colori”, Wide Sound, WD 206, 2014

* “Rosalinda”, Wide Sound, WD 209, 2015

* “Lucilla”, Wide Sound, WD 211, 2016

Opere di Poesia

* Luci di Luna, A&B, Roma, 2005

* Il Passo delle Sensazioni, Edizioni Ulivo, Balerna, 2005

* Teatro Evanescenza, Edizioni Ulivo, Balerna, 2006

* Le Isterie di Jennifer, Tracce, Pescara, 2012

* Artemisia, la Rana Pittrice e la Farfalla, G.E. L’Espresso, Roma, 2014

* Negativi ed Altri Versi, G.E. L’Espresso, Roma, 2014

Didattica Musicale

  • “Armonia Applicata – Gli Accordi”, G.E. L’Espresso, 2016
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: