L’Aquila, per la Sinfonica Paszkowski e Miriam Prandi sabato 20 ottobre 2018

concerto osa miriam prandi
Sto caricando la mappa ....

Data
dal 20/10/2018
dalle 00:00

Luogo
Ridotto del Teatro Comunale

Categorie


L’Aquila, per la Sinfonica Paszkowski e Miriam Prandi sabato 20 ottobre 2018
L’Aquila, per la Sinfonica Paszkowski e Miriam Prandi sabato 20 ottobre sono al Ridotto del Teatro Comunale “V. Antonellini” alle ore 18

concerto osa miriam prandi

Miriam Prandi

con un concerto dell’ORCHESTRA SINFONICA ABRUZZESE in collaborazione con l’Orchestra nazionale dei Conservatori Italiani.
NICOLA PASZKOWSZKY Direttore – MIRIAM PRANDI Violoncello

Nicola Paszkowski, DIRETTORE PRINCIPALE
Diplomatosi in direzione d’orchestra con il massimo dei voti al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, Nicola Paszkowski si è perfezionato con Ferdinand Leitner, Carlo Maria Giulini e Emil Tchakarov. Attivo sia in ambito sinfonico che nel teatro d’opera, collabora con numerose orchestre e istituzioni tra le quali: Orchestra della Toscana, Teatro Verdi di Pisa, Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, Orchestra Regionale del Lazio, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra Sinfonica Siciliana, Orchestra Haydn di Bolzano, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, Orchestra Filarmonica di Montecarlo, Filarmonica di Cracovia.

Dal 2000 al 2012 è direttore preparatore dell’Orchestra Giovanile Italiana – OGI, con la quale collabora ancora abitualmente, e dal 2012 al 2015 è direttore principale dell’Orchestra giovanile del Teatro dell’Opera di Roma. Su invito di Riccardo Muti, nel 2009 dirige l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e la Giovanile Italiana al Ravenna Festival.
Nel 2010 è di nuovo alla guida della Cherubini per Il Trovatore, con la regia di Cristina Mazzavillani Muti, e l’anno successivo è alla guida dell’Orchestra e del Coro del Teatro dell’Opera di Roma per il Nabucco al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo.
Sempre al Ravenna Festival, a chiusura della XXIII edizione del 2012, dirige la trilogia “popolare” di
Verdi, Rigoletto, Trovatore e Traviata e, nello stesso anno, è alla guida dell’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini al Kissinger Sommer International Musikfestival.
La collaborazione con il Ravenna Festival e con la regia di Cristina Mazzavillani Muti continua con la Trilogia “Verdi & Shakespeare”, Macbeth, Otello e Falstaff – 2013 e La Bohème nell’ambito della
Trilogia pucciniana – 2015. Nel 2015 inaugura la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Firenze con l’Orchestra del Maggio Musicale con un programma dedicato a Verdi e Rossini.
All’estero è protagonista di importanti produzioni come il concerto per i trent’anni della Royal Oman Symphony Orchestra (2015), Falstaff e Macbeth al Savonlinna Opera Festival, la Turandot di Puccini al Teatro Lirico di Sofia su invito di Raina Kabaivanska (2016), la Bohème a San Pietroburgo per il II Festival di Elena Obrazcova (2017). A settembre 2017 dirige il concerto della finale del Concorso Internazionale Renata Tebaldi.

All’attività concertistica affianca quella didattica come titolare della cattedra di esercitazioni orchestrali al Conservatorio Guido Cantelli di Novara. È Direttore Musicale dell’Associazione Solo Belcanto di Montisi e membro della commissione esaminatrice di “Italian Opera Academy” del Maestro Riccardo Muti. I prossimi impegni lo vedranno protagonista presso il Festival Solo Belcanto di Montisi, impegnato nella direzione del Falstaff in alcune recite in Giappone presso la Showa University of Music, sul podio dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese per l’inaugurazione della stagione 2018/19 e alla guida dell’Orchestra Cherubini per l’Otello di Verdi, regia di Cristina Mazzavillani Muti, a novembre 2018.

MIRIAM PRANDI Violoncello
All’età di 11 anni, cioè ben prima dei Diplomi di pianoforte e di violoncello, conseguiti rispettivamente a 15 e 16 anni con il massimo dei voti, Lode e Menzione Speciale al Conservatorio di Mantova, è stata eccezionalmente ammessa a frequentare i Corsi di violoncello di Antonio Meneses presso l’Accademia Chigiana di Siena, ottenendo sempre la Borsa di Studio e il Diploma di merito. Giovanissima ha avuto anche il privilegio di essere ammessa all’Accademia Pianistica Internazionale di Imola e successivamente alla Scuola di Musica di Fiesole dove ha affrontato il repertorio cameristico con Andrea Lucchesini. Dopo gli studi con Marianne Chen, si è perfezionata a Fiesole e Vienna con Natalia Gutman e successivamente nel 2014, come borsista della Fondazione Ambrosoli e della Fondazione Lyra, ha concluso gli studi del Master in Solismo con Lode all’Hochschule di Berna nella Classe di Antonio Meneses. Fondamentale per la crescita artistica di Miriam Prandi è stato poi l’approfondimento tecnico-interpretativo maturato alla scuola di Ivan Monighetti.Ha frequentato le Masterclasses con Mario Brunello, Rocco Filippini, David Geringas, Frans Helmerson, Gary Hoffman, Ralph Kirshbaum.
Nella duplice veste di pianista e di violoncellista, ha eseguito i concerti K 595 di Mozart e in Do di Haydn agli Incontri Internazionali di Asolo, al Teatro delle Muse di Ancona, al Teatro Bibiena di Mantova, al Teatro Sociale di Bergamo, al Teatro Rossini di Pesaro, e nel Maggio 2016 per il Festival del Maggio Musicale Fiorentino dove ha debuttato con successo come pianista e violoncellista al Teatro dell’Opera di Firenze.
Come giovane interprete italiana, è stata presente con un concerto durante i Cultural Days dell’European Union Bank a Francoforte in calendario insieme a famosi musicisti come Abbado, Ughi e Bollani. L’attività di solista con orchestra annovera una tournée in Italia e Israele con l’OGI diretta da N. Paszkowski, interpretando la prima parte solistica del brano”Violoncelles vibrez…” di Giovanni Sollima, concerto poi trasmesso da Rai Radio Tre.
Nel maggio 2016 ottiene successo di pubblico e critica con l’esecuzione del Concerto di Dvorak all’Auditorium RAI per l’Unione Musicale di Torino.
Come solista si è esibita con orchestre come la Gstaad Festival Orchestra, I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, la Filarmonica di Torino, Orchestra Sinfonica Siciliana, FORM Orchestra, Argovia Philharmonic, Berner Symphonieorchester, Klaipeda Chamber Orchestra e ha collaborato con direttori tra cui Neeme Järvi, Gianluca Marcianò, Andris Poga, Giampaolo Pretto, Douglas Bostock, Laurent Gendre, Marc Kissoczy…

E’ frequentemente ospite con concerti al violoncello solo presso importanti sedi concertistiche come il Festival Piatti di Bergamo, il Festival di Spoleto, gli Amici della Musica di Verona, la Società Amici della Musica di Ancona, nella Sala Cinquecento del Lingotto Musica di Torino, e in duo con pianoforte ha suonato per gli Amici della Musica di Lucca, l’Accademia Filarmonica di Bologna, la Società Umanitaria di Milano, al Teatro Verdi di Trieste, ecc. All’estero si è esibita anche negli USA (San José, Santa Clara University Hall – CA, New York University); in Svizzera (tra cui al Gstaad Menuhin Festival); in Francia, Germania, Lituania.
Violoncellista del delian::quartett è regolarmente ospite di importanti centri musicali come la Berliner Philharmonie, la Konzerthaus di Berlino e la Konzerthaus di Vienna, il Rheingau Musik Festival.
Per la musica da camera sono da segnalare le ripetute partecipazioni al Festival Internazionale ‘Oleg Kagan Musikfest’ di Kreuth, al Chamber Music Connects the World della Kronberg Academy, alla Gläserner Saal del Musikverein di Vienna, al Teatro la Pergola di Firenze, all’Accademia Chigiana a fianco di musicisti come Salvatore Accardo, Natalia Gutman, Andrea Lucchesini, Pavel Vernikov e più volte in recital con Pietro De Maria sia in Italia che all’estero. Recentemente con il pianista Alexander Romanovsky si è esibita in diretta radiofonica (Rai Radio 3) dalla Cappella Paolina del Quirinale e in alcune città italiane. L’interesse per la musica moderna e contemporanea l’ha spinta ad affrontare opere importanti quali la Sonata per cello solo di Sàndor Veress, le Variazioni Sacher di Dutilleux, le composizioni di G. Sollima, R. Shchedrin e la Sonata di Fazil Say, quest’ultima presentata in prima esecuzione italiana agli Amici della musica di Lucca.

Miriam Prandi suona un violoncello David Tecchler (Roma 1700 ca.) affidatole dalla Fondazione Pro Canale di Milano.

Sinfonica: tel 0862 411102-03

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: