Festival Internazionale del Cinema naturalistico e ambientale a Silvi: l’alpinista Davide Peluzzi racconta la sua esperienza in Nepal

davide peluzzi
Sto caricando la mappa ....

Data
dal 06/08/2018 al 07/08/2018
dalle 21:00 alle 00:00

Luogo
Piazza Marconi

Categorie


Il racconto dell’apertura di una via ferrata a quota 5.400 metri sul monte Tashi Lapcha  in Nepal, che ha cambiato in meglio la vita agli sherpa e alle comunità locali. Un’impresa alpinistica e di solidarietà che ha avuto come protagonista l’abruzzese Davide Peluzzi, capo spedizione del team Explora e che sarà ospite il 6 agosto in occasione dibattito della prima delle due serate a Silvi del Festival internazioale del cinema naturalistico e ambientale.

DAVIDE PELUZZI è L’ALPINISTA DAVIDE PELUZZI 
Inizia la prima tappa del Festival Internazionale del Cinema naturalistico e ambientale. L’appuntamento è  in piazza  Marconi, alle ore 21, a seguire la proiezione dei documentari.

La via ferrata, finita di realizzare nel 2017, con il sostegno del governo nepalese, consentirà  a portatori locali e alpinisti di raggiungere in sicurezza l’Austrian out, struttura ricettiva in via di realizzazione che sarà la base di partenza per la nuova frontiera dell’alpinismo himalayano, rappresentato dall’impervio Drolambau Glacier.

Due i documentari in programma nella prima serata di Silvi.
Si comincia con “Viaggio nel mondo delle emozioni” di Lodovico Prola. Per secoli filosofi e scienziati hanno creduto che fossimo solo noi esseri umani a possedere emozioni e sentimenti, mentre gli animali non avessero una mente  ma agissero solo meccanicamente in risposta agli stimoli esterni. Il documentario di Prola dimostra che questo é solo un pregiudizio smentito da nuovi e sorprendenti studi scientifici.

A seguire “Per qualche grado in più” dei francesi Luc Gronat e Cristopher Gilbert, in cui il tema – é il  caso di definire scottante – del surriscaldamento del clima viene in modo originale affrontato attraverso un’indagine sugli effetti che esso sta provocando sulla produzione vitivinicola francese, nella valle della Loira,  dove in  prospettiva non sarà più possibile coltivare come avviene oggi pregiatissime varietà  di vitigni tradizionali.

Il Festival, dopo la due giorni di Silvi, farà tappa ad Avezzano, in piazza Risorgimento, e a Pescara allo Stadio del mare, con la premiazione del 10 agosto dei migliori documentari nella serata di gala condotta da Osvaldo Bevilacqua, e infine con la straordinaria Fanfara dei carabinieri il programma l’11 agosto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: