Editoria: in un libro la Seconda Guerra Mondiale a Pizzoli 

Come nasce un progetto? Spesso solo dalla causalità. Un album di fotografie dimenticato in un vecchio baule e il gioco è fatto. “Domenico Impelluso, autore del volume: “La ricerca della ‘storia vera’”, scrive Salvatore Santangelo, giornalista e storico aquilano, “mi ha sempre portato a chiedere, documentare e conservare. Le possibilità offerte da internet hanno permesso di ampliare il campo di ricerca: in Germania sono recentemente ‘uscite’ una serie di foto su Pizzoli (L’Aquila) fatte da un ‘improbabile’ turista. Si tratta di uno dei soldati tedeschi in forza al presidio sito all’interno del castello. Le foto presentate nel volume – osserva Santangelo – ci danno uno spaccato della vita di quei giorni; per l’esattezza nel lasso temporale che va dal 1943 alla ritirata del 1944. Il reparto schierato a Pizzoli faceva parte della V Gebirgsjagerdivision, identificata, tra l’altro, anche da numerosi reperti trovati in zona. Normalmente i soldati hanno sempre fotografato le zone in cui hanno combattuto ma di solito parliamo di grosse città, mentre sono rare le foto dei centri minori. Impelluso aggiunge altri particolari: ‘essendo questa una zona di retrovie del fronte di Cassino, la logistica tedesca ha creato un tessuto diffuso su tutto il territorio con officine, ospedali, depositi di munizioni e cucine; il tutto saldato con i reparti combattenti’. Ovviamente – commenta il giornalista e storico aquilano – si devono ringraziare il sindaco di Pizzoli, la giunta e la proloco che hanno permesso la stampa del volume”. Domenico Impelluso nato a Siracusa ma residente in provincia dell’Aquila dal 1983, studente dell’Istituto d’arte e poi dell’Accademia di belle arti e attualmente del Corso di restauro interfacoltà dell’Università di L’Aquila. Ufficiale di complemento in ferma biennale, modellista, appassionato di storia militare. Per Santangelo un uomo “Alla ricerca delle vestigia del passato e della storia vera”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *